Il Comune

INCENTIVI PER CHI SCEGLIE DI ANDARE A VIVERE IN MONTAGNA.
10 MILIONI DI EURO DAL 1 SETTEMBRE.

Chi risiede in un centro urbano in Italia e intende acquistare o recuperare un immobile in un comune montano del Piemonte con meno di 5.000 abitanti, da rendere prima casa trasferendovi la propria residenza, potrà aderire ad un bando della Regione Piemonte che offre contributi da 10 a 40 mila euro. Il bando stanzia complessivamente 10 milioni di euro.

 

238909851 4870491382964505 4680292942529629813 n 

Icona categoria Servizi pubblici

SMAT Società metropolitana acque Torino SpA
Indirizzo Corso XI febbraio, 14 - Torino
Telefono 800 239 111
Segnalazione guasti 800 010 842
E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito Internet www.smatorino.it
Tekno Service - Rifiuti ingombranti
Indirizzo Str. Ghiaro Inferiore, 16 - Castellamonte
Telefono 0124 518 211
Numero verde 800 079 960
E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito Internet www.teknoserviceitalia.com
Enel SpA
Telefono

803 500 Guasti rete

800 901 050 Guasti illuminazione pubblica

Fax  
E-mail  
Sito Internet  
Ufficio postale
Indirizzo Via Cavalotti, 1 (piazza della chiesa) - Traversella
Telefono 0125 749007
Orari

Martedì e Giovedì 8:30 - 14:00
Sabato 8:30 - 13:00

Icona categoria Pubblica sicurezza

Stazione Carabinieri Vico Canavese
Indirizzo SP66 - Vico Canavese
Telefono 0125 795801
Corpo Forestale dello Stato - Vico Canavese
Indirizzo SP66 - Vico Canavese
Telefono 0125 74485
Polizia Commissariato Ivrea
Indirizzo Piazza San Francesco d'Assisi, 3 - Ivrea
Telefono 0125 719800
Fax 0125 233833
E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito Internet www.questurepoliziadistato.it/torino

Icona categoriaEmergenza - sanità

Grazie all'erogazione di un contributo della Regione Piemonte, sono stati digitalizzati alcuni tra i documenti più significativi conservati nell’Archivio Storico del Comune di Traversella, per oltre 1400 pagine.

Inoltre i documenti digitalizzati, visibili nella Ca dël tëimp situata nella piazza principale del paese, guideranno idealmente i visitatori attraverso il tempo lungo percorsi tematici alla riscoperta della vita della comunità alpina dal XV al XX secolo.

Per i più curiosi, ai percorsi ideali corrisponderanno percorsi di trekking dove si potranno osservare le vestigia della storia narrata dai documenti.

Documenti digitalizzati:

Breve storia del Comune

Sul sentiero che conduce al Colle Dondogna e alla Valle d'Aosta c'è la più antica testimonianza sul popolamento della Valle ed è la " pera dij cros " (1600m), uno strano roccione con incisioni che, studiate in tutte le loro caratteristiche, conservano ancor oggi un mistero indecifrabile. Si tratta di figure antropomorfe, spesso sessuate. Sicuramente è un nucleo pre-cristiano, forse ligure, ma alcuni attribuiscono le incisioni ai Salassi, discendenti dei Liguri alpini su una pietra tombale per i caduti nella disperata lotta contro i Romani invasori.

Alcuni storici ritengono che la Valchiusella celto-salassa abbia attivamente partecipato alle guerre puniche e lo testimonierebbe un cognome (Peno) di derivazione da Puni. I Romani, dopo aver bruciato tutti i boschi vendettero i trentamila Salassi come schiavi sul mercato di Ivrea e furono poi impiegati nelle miniere già sfruttate prima dai Salassi che coniarono moneta già verso il 350 avanti Cristo, in ciò precedendo i Romani che ne iniziarono il conio nel 306 avanti Cristo.

La cristianizzazione della valle fu molto difficoltosa e si pensa sia avvenuta ad opera del Vescovo di Ivrea Bernardo di Mentone nel decimo secolo. Forse furono i Longobardi, stanziati in Valchiusella dopo la conversione a diffondervi il Cristianesimo, il culto del tiglio (Mont del Tij a Chiara) e parecchi toponimi (Tal = valle -- Horn = estremità). A Chiara su un'abitazione c'è secolo X e su altre croci del tipo longobardo.

Traversella era allora nella "Vallis Cavearia" (cave) o "Vallis Brocij" che era occupata quasi interamente da boschi. Contro un sistema feudale oppressivo partì la violenta ribellione dei Tuchini che ebbe nome "Tuchinaggio" e ridusse a miti consigli i nobili canavesani con l'estensione dell'autorità dei Conti di Savoia su tutto il Canavese.
Vennero poi gli anni delle Guerre d'Indipendenza, le guerre mondiali durante le quali si distinsero molti traversellesi per coraggio e amor di patria. Poi il dopoguerra, la vita in miniera fino agli anni settanta, l'Olivetti e sempre l'allevamento e gli alpeggi con vivo il senso di appartenenza ad una comunità ricca di valori e di tradizioni.

"Avant d ' appartenire au gouvernement et à l 'E'tat l' homma appartient aux lieux qui l'ont vu naìtre: c'est au sein de sa famille qui nait et se developpe le germe des prèmiers sentiments de patrie:et l'interèt communale est le principe de tous les autres interèts politiques ".

ABBONDIO CHIALIVA - Traversella - 1827


Icona MunicipioScheda del Comune

Comune Traversella
Regione Piemonte
Provincia Torino
Zona

Italia Nord Occidentale

CAP 10080
Prefisso Telefonico 0125
Codice ISTAT 001278
Codice catastale L345
Partita IVA 03973170016
Numero abitanti                       323
Densità demografica 8,21 abitanti per Kmq 
Denominazione  Traversellesi
Festa patronale 30 novembre, Sant'Andrea
Superficie 39,36 kmq
Altitudine minima 684m slm
Altitudine massima 2.820m slm
Altitudine municipio 827m slm
Zona altimetrica Montagna interna
Confini comunali Brosso, Castelnuovo Nigra, Donnas (AO), Frassinetto, Ingria, Meugliano, Pontboset (AO), Quincinetto, Ronco Canavese, Tavagnasco, Trausella, Valprato Soana, Vico Canavese
Frazioni Cantoncello, Cappia, Chiara, Delpizzen, Fondo, Succinto e Tallorno.
Coordinate: latitudine 45°30'33"84 N
Coordinate: longitudine 07°45'1"80 E
Coordinate: gradi decimali 45,5094; 7,7505

Sottocategorie